Cantine Tommasone

LA NOSTRA STORIA

VITICOLTURA AD ISCHIA
La vite, il vino e l’uomo, un legame che sull’isola d’Ischia ha origini millenarie, come testimonia il ritrovamento della famosa Coppa di Nestore nella necropoli di San Montano, a Lacco Ameno. Un reperto dell’VIII sec di eccezionale importanza, su cui è inciso un vero e proprio inno ai piaceri del vino e dell’amore: segno tangibile della viticoltura introdotta dagli Eubei, i primi coloni greci arrivati sull’Isola e battezzata dagli stessi con il nome di Pithecusa.
Io sono la bella coppa di Nestore, chi berrà da questa coppa subito lo prenderà il desiderio di Afrodite dalla bella corona.

Coppa di Nestore

TRADIZIONE DAL 1870
Muove dal piccolo comune di Lacco Ameno il passato e il presente delle Cantine Tommasone, sin dalla fine del 1700: i resti dell’antico palmento, il vecchio torchio di pressatura e la bottaia scavata nel tufo verde, sono le tracce che accompagnano la tradizione vitivinicola di famiglia da oltre 300 anni, unite al sapere tramandato di padre in figlio da cinque generazioni.

Figlio di contadini, nel 1870, è il bisnonno Pietro a dare inizio alla tradizione vitivinicola che contraddistingue la famiglia Monti.
IL VINO DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE
A Pietro, segue il figlio Tommaso detto "Tommasone" (da cui il nome dell'azienda), per arrivare ai giorni nostri con Antonio e la sua grande passione per la ristorazione che, anni fa, l'ha portato a trasferirsi a Colonia per avviare un ristorante di successo. In Germania incontra e sposa Birgit e nascono le figlie, Lucia e Barbara ma Antonio non ha mai dimenticato il forte richiamo per la sua terra e gli insegnamenti di papà Tommaso.
1999: PARTE UN NUOVO CORSO PER TOMMASONE
Nel 1999, Antonio Monti intraprende la ristrutturazione delle antiche cantine e il reimpianto delle vecchie vigne di proprietà. Dal passato al presente e al futuro di famiglia: dopo gli studi in viticoltura ed enologia in Germania, e dopo vari stage ed esperienze lavorative in Italia e all’estero, è la figlia Lucia che dal 2009 conduce l’azienda, per continuare il progetto avviato dal papà.
LE SORELLE MONTI
Oltre all'attività di vinificazione, con la sorella Barbara, Lucia lancia anche l'idea di affiancare al vino una produzione cosmetica a base di uva biologica certificata creando il marchio Tommasone Cosmetics.
Basati su una seria ricerca scientifica e un packaging eco-sostenibile, i cosmetici Tommasone valorizzano le innumerevoli proprietà benefiche dell’uva, un prezioso concentrato di antiossidanti, astringenti e rivitalizzanti..
LUCIA MONTI: UNICA DONNA A PRODURRE VINO AD ISCHIA
Affiancata dal marito Giuseppe Andreoli, Lucia rappresenta la prima “parentesi rosa” nel panorama vitivinicolo ischitano: riflessiva, amante del territorio e capace di ascoltarlo, solo come le donne sanno fare. Con lei, le radici continuano ad essere la forza delle Cantine Tommasone: la famiglia, la terra e il duro lavoro in vigna sono l'importante eredità ricevuta. Ancora oggi, l'Azienda produce i vini che la famiglia ha da sempre desiderato ottenere, migliorandosi giorno dopo giorno per offrire il risultato più prezioso di una passione innata: il buon vino.

SHOP ON LINE


ENTRA IN NEGOZIO

CHI SIAMO


La nostra storia inizia nel 1700 a Lacco Ameno

È il bisnonno Pietro che, nel 1870, intraprende la tradizione vitivinicola della famiglia Monti, seguito dal figlio Tommaso detto "Tommasone" per l'ampia disponibilità di terreni. Suo figlio Antonio si trasferisce in Germania dove avvia un ristorante di successo ma senza dimenticare il forte richiamo della sua terra e gli insegnamenti del papà. Nel 1999, procede alla ristrutturazione delle antiche cantine e al reimpianto delle vecchie vigne di proprietà. Oggi a gestire l’azienda è la figlia Lucia Monti, enologa e unica donna produttrice di vino sull’isola d’Ischia.

LA NOSTRA IDENTITÀ


Territorialità, identità e rispetto della natura

I vigneti Tommasone occupano una superficie di 16,50 ettari, divisi in 14 piccole tenute che vanno dal Comune di Lacco Ameno a nord-ovest, a Forio nella parte occidentale dell’Isola fino ad arrivare a Sant’Angelo. Quest'ultimo è il punto più meridionale d’Ischia e ospita Tenuta Monte Zunta, uno dei nostri vigneti più prestigiosi a 450 metri slm. I vini Tommasone sono ottenuti da uve autoctone dell'isola: Biancolella e Forastera, per i bianchi, e Per’e Palummo o Piedirosso, Guarnaccia e Aglianico per i rossi.